22 maggio 2013

L'Xboxone e i suoi segreti (quello che non c'era alla conferenza)

Nemmeno un giorno che abbiamo visto la nuova console di Microsoft, e già è partito un vespaio sul web.
Eh già perchè, dopo aver compreso che la console virerà prepotentemente sulla multimedialità, sulla tv mentre giochi mentre ascolti DeadMau5 mentre ti guardi Star Trek, le cose che interessano veramente gli acquirenti sono rimaste taciute.



Un esempio lampante: le azioni Sony che s'impennano dopo la conferenza Microsoft. Oppure che il colosso EA, dopo aver spernacchiato in pubblica piazza Nintendo e Wii U annunciando una mirabolante collaborazione con Microsoft e negando le serie sportive alla console di Nintendo, torna sui suoi passi dopo la conferenza Microsoft e dice che svilupperà roba anche per Nintendo (Cosa? Mo chiedete troppo, qualcosa lo troviamo), che avevamo capito male noi. C'eravamo tanto sbagliati. Tutt'apposto. Molto bene.
Ma tornando a noi, quali sono questi segreti taciuti dell'Xboxone? Vediamoli insieme.




Ad esempio, girava voce che la console necessitasse di essere costantemente connessa ad internet per poter essere utilizzata, o anche che il mercato dell'usato sarebbe stato annichilito, o ancora che la console avrebbe avuto costi contenuti.
Beh, ecco. Andiamo per gradi.



La situazione internet

Secondo Microsoft no, la console non necessita di costante connessione ad internet. Evvai così, la gente riprende il respiro, grida di gioia dagli spalti. Microsoft fa per andarsene, ma fa come il robottone trollone di Yattodetaman che fa finta di andar via risparmiandoti e poi ritorna sempre per malmenarti. Sì perchè questo robottone, sottoforma di Phil Harrison (vicepresidente corporate di Microsoft), dice che servirà invece la connessione ad internet almeno una volta al giorno per poter utilizzare la console. E aggiunge che: "non l'abbiamo deciso noi, ma gli sviluppatori".
Cinque parole: ci-prendono-per-il-culo.



La situazione Bonnie


Vincent e Jules hanno appena ucciso due dei tre ragazzi che hanno rubato la valigetta a Wallace quando a sorpresa esce dal bagno un quarto uomo che spara su di loro l'intero caricatore ma senza colpirli neppure di striscio. Ucciso costui, portano via Marvin, l'unico superstite. In auto, mentre Jules tenta di spiegarsi come mai siano riusciti a restare illesi dopo la sparatoria e grida al miracolo divino, Vincent, cercando di fargli cambiare idea, si volta verso Marvin chiedendo la sua opinione riguardo all'accaduto, e involontariamente gli spara un colpo di pistola in piena faccia... Ma questa è un'altra storia, andiamo avanti.




La situazione prezzo
  
Secondo il sito Zavvi, la console non dovrebbe scendere sotto i 500€, considerato anche che ha compreso nel prezzo il nuovo Kinect. E proprio con questo nuovo Kinect vorrei soffermarmi un attimo. Non tanto se sia o meno utile, quanto piuttosto che sia in grado di accendere o spegnere la console tramite comandi vocali. Cioè, tu dici "Xbox accenditi" e l'Xbox si accende. Figata? Eh, se non fosse che per fare questa cosa il microfono del Kinect sarà SEMPRE COSTANTEMENTE ATTIVO, fermo immobile ad ascoltarvi nel buio, come un mostro di Lovecraft. Paura eh? Arriva Microsoft, Orwell non sei nessuno. Riguardo l'abbonamento Live? Tutto tace. I videogames invece dovrebbero costare su per giù come quelli attuali. Sono voci è vero, però è pure vero che se la console avesse un prezzo economico, Microsoft ce l'avrebbe fatto sapere in tutti i modi. E invece tace. O è una mazzata tra capo e collo, o ancora non lo sanno nemmeno loro. E mi sbilancerei sulla seconda ipotesi, considerata la prossima situazione.




La situazione usato 
a.k.a. 
"Boh, non lo sappiamo bene manco noi"

Ecco, la situazione è questa, secondo Microsoft. Voi vi comprate un gioco a prezzo pieno al day one (facciamo un 70€, salvo addirittura aumenti next-gen), andate a casa tutti contenti, lo aprite, dentro ci trovate un codice che potrà essere utilizzato una volta soltanto, lo immettete nella console, inserite il disco di gioco, il gioco s'installa interamente nell'hard disk, togliete il disco e lo usate come sottobicchiere. Già, perchè una volta inserito il codice ed installato il gioco, non vi servirà più nessun disco, avete tutto dentro l'xboxone. Bello eh? No.
Perchè se io volessi comprare un gioco usato, dovrei rifare lo stesso procedimento, a parte la parte sul codice monouso, che sarà già stato usato. "E dove sta il problema?" vi chiede il robottone trollone di Yattodetaman, "basta comprare un altro codice". Ah beh, tutto apposto allora. Se non fosse che il nuovo codice costa esattamente quanto il gioco nuovo al dayone (rifacciamo un 70€). Questa sì che è convenienza. E metti che voglio prestare il gioco ad un mio amico? 70€. E se perdo il codice? 70€. Amore completo? 70€.
Ma ecco il colpo di genio del robottone trollone che ci dice sorridendo: "Ma no tranqui, eheh, il mercato dell'usato non è morto, ehm... Abbiamo un'idea, ma non ne parliamo oggi perchè... Ehrrrr... Ho lasciato il portafogli in macchina." E se ne va sgommando.
Scelte decisamente opinabili, spero ne converrete con me. Speriamo che quest'idea che hanno in serbo sia qualcosa di davvero interessante, oppure che ci ripensino prima dell'uscita della console. 



Fatto sta che la frittata ormai sembra fatta, e non sembra essere granchè appetibile. Speriamo venga rigirata in qualche maniera. Personalmente infastidisce soprattutto queste omissioni importanti alla conferenza. Piuttosto di farci vedere Star Trek o di come sia facile passare dai programmi tv ai videogame con i comandi vocali, un dieci minuti dedicati a queste informazioni sarebbero stati sacrosanti. Ma pare che perfino Microsoft se ne vergogni. O meglio, non sappia ancora bene dove andare a parare.
In ogni caso, forse ripensandoci il Wii U non era poi così malvagio e, se queste erano le prove generali, aspettiamoci un E3 da paura come ormai siamo abituati. E no, non in senso positivo.





P.S. In mezzo a tutte queste magagne, salta fuori quello che sembra essere un fiorellino di campo: è stato annunciato che all'E3 la bistrattata Rare presenterà il ritorno di un classico di questa software house. Microsoft, fa che sia Killer Instinct o un nuovo Banjo & Kazooie, perchè se te ne esci con qualche party game per Kinect potrei morire.








Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...