28 aprile 2013

Tarkovskij, Stalker e altri film su Youtube

Più che un post, una segnalazione.

Una gran bella iniziativa da parte della Mosfilm (che ha come logo un operaio col martello e la contadina con la falce puntati verso il cielo, molto evocativa). Praticamente tutta la cinematografia di quel registone che è Tarkovskij, gratis, in streaming, in lingua originale e con i sottotitoli di Youtube in inglese.
Questo è un link che parla di quest'iniziativa: http://www.openculture.com/2010/07/tarkovksy.html

Mica robetta, parliamo di lungometraggi del calibro di Solaris, The Mirror, ma soprattutto Stalker






Quest'ultimo è senza dubbio il mio preferito del regista e uno dei miei preferiti in generale. Il film (del 1979) è un vero e proprio dedalo, un viaggio interiore che assume ad ogni visione significati e connotazioni diverse. Un trattato sull'animo umano, mascherato da viaggio di uno Scrittore e uno Scienziato in una località rurale dell'Europa orientale denominata "La Zona". Scrittore e Scienziato in maiscolo perchè è l'unico nome che viene dato ai personaggi, accompagnati ad addentrarsi nella Zona da una delle guide del luogo, chiamate appunto Stalker. La motivazione del viaggio dei tre è basata sulla bramosa ricerca dello Scrittore e dello Scienziato di quella che viene definita come "La stanza dei desideri", una stanza che si trova nel cuore della Zona in grado di esaudire i desideri di chi vi entra. E non è l'unico elemento sovrannaturale della pellicola: infatti l'intera Zona, nonostante appaia come una tranquilla e deserta campagna del luogo, è in realtà impregnata da un'energia aliena che distorce la realtà, creando trappole invisibili che possono uccidere in un battito di ciglia. Insomma un contrasto netto tra le lunghe carrellate silenziose sul panorama deserto e la reale pericolosità del posto. Che dirvi, lo trovo un film terapeutico, i paesaggi e il silenzio disteso ma inquietante degli stessi fanno da cornice a questa odissea che vi porta fin dentro la coscienza umana.

Se questa breve descrizione non bastasse, il film ha fatto anche da ispirazione per la brillante serie di sparatutto in prima persona con componenti horror, uscita per PC ed intitolata S.T.A.L.K.E.R., ambientata in una "Zona" delimitata dall'esercito in seguito al disastro di Chernobyl in un futuro post-apocalittico. Consigliatissima.


Insomma, se siete fan del regista si tratta di un'ottima iniziativa, se non lo siete avete un buon motivo per diventarlo.


E anche per oggi il mio l'ho fatto.


Come sempre vi ricordo l'esistenza della Pagina Facebook del blog, dategli un'occhiata se iscrivetevi per ricevere sempre le ultime notiziuole.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...